gaiola

La Gaiola

Minuscolo villaggio di pescatori che sbocca sulla spiaggia. A destra vi é una sporgenza con ruderi romani chiamati Casa Del Mago o Scuola Di Virgilio ove, secondo la credenza medievale, il poeta avrebbe l'arte magica.

Nel mare tre isolotti tufacei, di cui il più grande é l'Isola della Gaiola, anticamente chiamata "Euplea", nome dato a Venere in onore della quale sorgeva qui un tempietto per implorare una felice navigazione.

Nei pressi della spiaggia la costa tufacea è erosa da varie grotte, la più spaziosa ha nome di Grotta Del Tuono (per il rimbombo provocato dalle onde).

In un campo che sovrasta La Gaiola sono sparsi resti della romana Villa Pausillypon. A ovest della Gaiola si apre nella costa l'amenissima Cala di Trentaremi grandioso anfiteatro naturale con profondi sbancamenti ed erosioni nelle pareti di tufo giallo.

Oggi lo specchio di mare che abbraccia questo tratto di costa è tutelato dall'istituzione dell'Area Marina Protetta Parco Sommerso di Gaiola. Presso il Centro Visite del Parco, sito in Discesa gaiola 27/28, è possibile svolgere visite guidate con il battello dal fondo trasparente, itinerari snorkeling ed immersioni subacquee, con le guide del C.S.I. Gaiola onlus. E' anche possibile veleggiare in queste spendide acque in barca a vela con le proposte di Velaflegrea che offre noleggio barche a vela a Napoli.

 

Per chi desidera soggiornare in questo splendido luogo il nostro bed and breakfast sarà il luogo perfetto. 

 

torna alla pagina ARCHEOLOGIA

 

 
 

Designed by Moonweb Digital Design